29.12.07
Storielle d'altri tempi

Tra due villani

Giuvanni, che st dall'orto, d'i ffosso 'e sangola,
chiame Checco, da capo 'a costa 'e piacciano:
 

- Checco... ha' magnato?
e Checco risponne: - S,
e Giuvanni: - Eh, te volevo fa magn co' mme...

I' ggiorno doppo.
- Checco... ha' magnato?
e Checco risponne: - S,
e Giuvanni: - Eh, te volevo fa magn co' mme...


I' tterzo giorno.
- Checco.. ha' magnato?
e Checco (furbo): - No,
e Giuvanni: - Mbe... magna ch' ora.


Umbe1921

-------------------------------------------------------------------------------------------

05.01.08
   
Racconti intorno 'i ffoco

Nina e Mariuccia, madre e figlia,
raccontano davanti al camino i fatti del giorno.


L'addro ieri tu' pa' vito fora presto, 
ma rivenuto a casa quasi subbito, tutto suppo.

- E c'ha fatto che si suppo mollo?

- Statte sitta, Ni, nun me f biastim. 
So cauto drento i' zzoppo p pij l'acqua p fa i' zorfo
e ho sbattuto 'na chiappa che me fa coce 'ng.

- Levete 'gni cosa che te la 'sciutto denanzi i' ffoco.

Tu p ha fatto cos e s' 'inficcato drento una coperta
che parea 'n ucello spizzicato.
S' rifreddato 'ng, ma doppo se semo mesti drento i' lletto e...
(ma questa un'altra storia)

Umbe1921

-------------------------------------------------------------------------------------------

11.02.08

Tra commari
Cummare Nena e Cummare Checca

Gi ppe 'a costa 'i ffrati, 'a cummare Checca
trove 'a cummare Nena che vea de corsa.


- E du' va' cos de corsa, commare Che' ?

- Statte sitta, che haio prescia.
Martimo vito fora 'i Ppareti e s' scordato da magna'.


- Spettime che tte 'ccompagno fino a dda piedi 'a costa e t'ariccnno 'na cosa nova.

- De che se tratte, cummare Ne' ?

- La conosci 'a Lonirde, quella de 'a 'Ntonta 'a fornara?

- S, e c'ha fatto?

- Pare che gravida e nnu j sposata.

- Che mme dici, cummare Checca!

- Nun te po' propio fida' de 'ste mugne greche, tutte casa e cchiesa, po' qquanno sentono i' ddogge, cascheno comme 'e pere cotte.

- E m che succede?

- Dice che li fanno sposa' 'nguattoni 'nguattoni pe' nun f sparl 'e male lingue.

- E fanno bbene, perch de linguacce ce so' ttante, e tristo chi ce casche sotto. Adesso per cummare Che', lasceme anna' de corsa sinn Lupordo se 'rabbie e mme d 'e bbotte 'ngo'.

- V, v cummare Ne', tanto io 'ngo' so' 'rivata. Te saluto, e tu...
salutime Checchino... si lo vedi... (e poi dice 'e "male lingue")

Umbe1921
 

-----------------------------------------------------------------------

19.04.08

'A vecchia Sbracia
 
Quanno 'a vecchia Sbracia facette cent'anni, glie fecero 'na bella festa. Venitte da Roma 'ngo uno che scrivea sopra i' giornale, e quanno la vedette glie domann:

- Signora, quale il segreto della sua longevit?

'A vecchia Sbracia mettette 'na mano sotto i' zinale e tirette fora da i gguarnelli 'na fiaschetta 'e vino, e doppo av bevuto risponnette:

- Che dicetti, figlio mi? S un po' sorda.

- Niente, niente, signora, ho capito tutto...

Morale della favola...

"Chi beve i'vino de Vignanello (quello bbono, per) campe cent'anni"

----------------------------------

1^ imprecazione nostrana: "che ce potesse sciampic 'a fornara"

Umbe1921