25.11.07

Caro Vincenzo,
ho trovato questa chicca sul periodico "Terra Nostra" (mese ottobre/novembre) e ho pensato di proporla al sito. Ovviamente ho chiesto autorizzazione all'autore e l'unica condizione che ha avanzato per la pubblicazione stata che lasciassi la sua firma cos come l'ha pensata. L'ho anche convinto a lasciarci in esclusiva qualche altra poesia, e presto potremo godere di altre strofe in vignanellese... Che dire ancora? Buon appet...cio buona lettura!
Alessandra


I CRUCCO
(de Vignanello)


I crucco un dorge de colore scuro
Re dei dorgi a Vignanello
a vorde p ven pure un mb duro
e s'accompagne bene co un buon vinello.

Se f dentro casa, quanno festa,
oppure quanno spose 'na parente
se mantene parecchi giorni dentro a cesta
e ppe fallo nun ce vole gnente.

Dunque amici, penna e calamaio
ve dtto sta fantastica ricetta
che l'ho scovata sopra i zolaio
e fu de nonna Assunta e da Richetta:

cacao, ova, zucchero quanto baste
nocchie e farina pe nun falli sbrac,
con cura e con amore tutto se 'mpaste,
i dorge quasi fatto. Adesso che se fa?

Se pije st'impasto bello scuro
se mette a mucchietti dentro i testo
venti minuti a coce, so sicuro,
ecco i Crucco nato bello e fresco.

E' nata creatura de i palato
fragranza de profumi senza trucco
magnalli 4 o 5 nun peccato
signori ecco a voi il nostro Crucco!

Lo chef Massimo della Corte del Vignola