L'asilo nido

    Verso la fine dell'anno scorso era sembrato che Vignanello fosse nelle condizioni di realizzare a breve l'asilo nido per l'attribuzione di un finanziamento da parte della Regione Lazio: sul Web ancora troviamo la notizia, risalente a novembre scorso, basta cliccare qui. Non credo sia il caso di dilungarsi sull'importanza che ha una struttura di questo genere.
    Poi il 19-04-07 sul Corriere di Viterbo apparso un articolo ove si diceva che l'asilo nido rientra in un programma triennale di prossimi lavori.
Conseguentemente il 12-05-07 stata inviata al Comune una lettera a firma di diversi genitori per chiedere notizie sull'eventuale effettiva realizzazione dell'asilo nido a Vignanello. 
    Con la lettera si chiedeva all'Amministrazione, nelle persone del Sindaco e di altri Amministratori che per le loro attribuzioni - almeno stando al sito del Comune - dovrebbero essere interessati alla cosa, un incontro per avere ragguagli sull'argomento. La lettera stata firmata da pi di 20 genitori di altrettanti bambini che il prossimo anno scolastico sarebbero stati interessati all'asilo nido, un numero abbastanza significativo se si tiene conto del numero medio di nascite a Vignanello in un anno.
    Una risposta del Sindaco apparsa in un articolo del Corriere di Viterbo del 27-05-07. Ci sostanzialmente trova riscontro nelle Determinazioni del Direttore della Direzione Regionale Servizi Sociali n. 3980 del 31-10-06, con la quale Vignanello rientrava tra i Comuni benificiari del finanziamento; n. 4315 del 27-11-06, con la quale veniva corretto il punteggio di Vignanello nella graduatoria "per errori materiali nell'elaborazione dei dati sulla popolazione 0-3 anni"; n. 4398 del 01-12-06, con la quale, in conseguenza del minor punteggio, Vignanello non rientrava pi tra i Comuni beneficiari (Gazzetta Ufficiale della Regione Lazio del 30-01-07).
    Comunque per le vie brevi era stata promessa una riunione, del resto come gia detto richiesta con la lettera, per illustrare la situazione: la riunione finora non stata convocata. 
    Spero che questo intervento possa avere l'effetto di richiamare un po' l'attenzione sulla realizzazione dell'asilo nido, per la quale si potrebbero, volendo, immaginare fonti di finanziamento alternative alla Regione, magari ricorrendo ad un mutuo della Cassa Depositi e Prestiti se la cifra non fosse esorbitante. Sicuramente si tratterebbe di un'opera che riscuoterebbe immediatamente il consenso e la gratitudine della cittadinanza.
    Chi interessato pu cliccare qui per leggere la lettera inviata al Comune.

Nino Fanti